Accesso ai servizi

Federico Caudana

Federico Caudana


Nacque a Castiglione Torinese il 4 dicembre 1878, morì a San Mauro Torinese il 29 luglio 1963. La vita del maestro Caudana è una grande storia d’amore per la musica. Orfano di entrambi i genitori a soli tre anni, fu cresciuto dagli zii che lo affidarono per l’educazione al Collegio dei Salesiani.

“Lo spirito di Giovanni Bosco incide inconfondibilmente sul cuore e sulla viva intelligenza del giovane Federico” ricorda Mons.Carlo Boccazzi. Ricevette i primi insegnamenti di pianoforte dal prof. Dogliani che gli riconobbe qualità artistiche di eccezione. A soli 16 anni compose “Cinque cantate per Israele”. Frequentò il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, ove si diplomò a pieni voti, studiando anche con Saladino.

Nel 1907 vinse il concorso di primo organista e maestro di Cappella della Cattedrale di Cremona, presiedendo poi anche la Commissione Diocesana per la musica sacra, dando un valido contributo alla riforma voluta dal “Motu proprio” di Pio X. Fu direttore della banda cittadina e della corale Ponchielli. Collaborò attivamente con la Casa Musicale Carrara che gli affidò nel 1932 la direzione di diverse pubblicazioni: Choro Italico, Musica Orante, Melopea Educativa. Organista di valore, molto quotato quale collaudatore di nuovi organi, ha composto per questo strumento una notevole produzione per qualità e quantità.

Si pensi che la sola casa Carrara ha stampato 413 sue composizioni, vale a dire 13 Messe, 7 opere teatrali per la gioventù, 64 Canti eucaristici, 59 Canti mariani, 33 Canti natalizi, 70 Canti vari, 39 pezzi per Organo, 18 composizioni per banda, 110 Canti accademici fra i quali 12 cantate. A queste si aggiungono le stampate da Bodro di Roma, da S.E.F di Torino e da Maurri di Firenze.